Come scegliere un buon condizionatore

Come scegliere un buon condizionatore

Prima di scegliere un buon climatizzatore dovete obbligatoriamente rivolgervi ad aziende e installatori certificati fgas per due motivi:

  1. Il primo per non incorrere in multe da parte di organi di controllo
  2. Il secondo motivo, l’installatore deve avere determinati requisiti essere in possesso del patentino fgas  il quale certifica e rilascia la documentazione idonea per la validita’ della garanzia, senza di quel certificato non valida.

La scelta giusta per un buon climatizzatore è fatta di tantissimi fattori; la classe energetica può farvi risparmiare tantissimi soldini, Naturalmente a una più alta capacità di raffreddamento consegue un maggiore consumo energetico. Per tale ragione è sempre meglio scegliere un prodotto con una classe di consumo energetico elevata. A++ oppure A+++

  • I filtri per purificare l’aria e la sanificazione annuale
  • Soprattutto in città, l’aria che respiriamo contiene molti allergeni ma i moderni climatizzatorisono dotati di filtri antibatterici, antipolline e anti odore. In tal modo questi dispositivi purificano l’aria che respiriamo e rappresentano la soluzione perfetta per tutte quelle persone che soffrono di patologie respiratorie o di allergie,inoltre conviene stipulare un contratto con una azienda certificata per la sanificazione e controllo del climatizzatore

I climatizzatori con tecnologia inverter

Quando la stanza raggiunge la temperatura impostata, i climatizzatori dotati di funzione con inverter non si spengono ma continuano a funzionare in modo da mantenerla stabile. In questa maniera la potenza del motore è ridotta al minimo e si evitano repentini cambiamenti di temperatura, evitando allo stesso tempo che il motore del dispositivo si accenda e spenga continuamente. Grazie a questa tecnologia, il risparmio è di circa il 30% in più rispetto ai modelli meno recenti.

Capacità di raffreddamento e potenza del climatizzatore

Questo è un altro parametro importante nella scelta dell’apparecchio ed è espresso in kW o in Btu/h (British Thermal Unit): maggiori sono questi valori, più potente è l’impianto. Da ciò ne consegue che più è elevato il Btu più vasta sarà l’area che l’apparecchio riuscirà a rinfrescare.

Quindi, nella scelta del climatizzatore sarà indispensabile fare un po’ di calcoli e valutare bene i metri cubi che intendiamo climatizzare.
Un altro fattore da tenere in considerazione è l’esposizione della casa: una mansarda ad esempio si riscalda più in fretta di un appartamento posto al primo piano.

Se invece avete la necessità di climatizzare diversi ambienti la scelta dovrebbe ricadere su climatizzatori multisplit, che si possono collegare fra loro attraverso una sola unità esterna. Ad ogni modo, bisogna sempre chiudere la porta delle stanze non utilizzate e se si decide di utilizzare uno split per ogni ambiente è meglio optare per un condizionatore con funzione dual o trial,quadri  “inverter“. Oppure un impianto canalizzato.

La scelta giusta è affidarsi a professionisti qualificati come la freddosystem.

LEAVE A COMMENT

Your email address will not be published. Required fields are marked *